Redazione

Redazione

Lunedì, 13 Agosto 2018 15:56

GIACOMO MAROTTA SUL PODIO A SIBARI

Prova superba dell’allievo Giacomo Marotta, impegnato sabato pomeriggio a Marina di Sibari alla V Stracassano, corsa su strada in linea di 9,7 km e valevole come 10ª tappa del CdS regionale Master. Il giovane mezzofondista nativo di Conflenti, classe 2001, ha condotto una gara tatticamente avveduta, conclusa in progressione al secondo posto in classifica generale, dietro solo al pitagorico Danilo Ruggiero della Milonrunners Crotone, vincitore dell’edizione 2018. Dopo 500 metri dalla partenza, dislocata in zona Laghi, l’ex runner del GP Parco Alpi Apuane si distanzia dal resto del gruppo a ritmo di 3’15’’ a km, tallonato dallo junior siciliano Federico Cottone (Scuola Atletica Krotoniate) e dal senior Alessio Sposato del CUS Pro Patria Milano. Ad inseguire il terzetto in fuga, con dieci secondi di ritardo, i gialloneri Aldo Carbone, Giovanni Monaco, Eduardo Sanchez e Giacomo Marotta, in compagnia del pugliese SM40 Giuseppe Mele tesserato Dynamyk Fitness di Palo del Colle. Intorno al 4° km in testa alla corsa si stacca prima Sposato e poi Cottone. Nel darsi da fare per riassorbire due dei tre battistrada, si sgretola il drappello dei competitor intento a ridurre la distanza dagli apripista. Molla prima Giovanni Monaco in crisi, fermatosi poi al 6° km, si conclude all’8° la ‘doppia’ razione d’asfalto giornaliera di Aldo Carbone, mentre Sanchez e Mele provano l’attacco possente nel tentativo di occupare i restanti gradini del podio. A meno mille metri dal traguardo la sorpresa. Cambia passo Giacomo Marotta e va deciso all’inseguimento dei due fuggitivi, superandoli agevolmente, aggiudicandosi l'argento in 34’32’’ a 59 secondi da Ruggiero. Bronzo per Giuseppe Mele con il tempo di 34’50’’. La medaglia di legno causa azzardo, ma poteva essere di metallo pregiato, va a Edo Sanchez, 4° in 35’04’’. Ottimo 5° posto per Luigi Imbrogno in 35’46’’, che gli vale anche lo scettro di categoria. Tra gli SM40 Agostino Esposito termina 5° in 37’13’’ e Stefano Bruno 6° in 37’45’’. Massimiliano Caputo si impone tra gli SM45 in 38’02’’, mentre Geraldo Greco si piazza 6° in 40’41’’ tra i pari età. Giovanni Curia vince la SM55 in 40’33’’ e Massimiliano Artuso è 7° in 42’30’’. Bene Alessandro Vitale, 77° in graduatoria assoluta e 14° in categoria SM40 con il tempo di 45’27’’. Tra le donne trionfa facile Faustina Bianco della Dojo Judo in 41’24’’, davanti a Francesca Maniaci, tesserata Caivano Runners, argento in 42’20’’ e a Sabrina Gioberti di K42, bronzo in 43’12’’. Rosetta Stranone chiude comoda in 1h03’24’’. A Mileto (VV) domenica sera, Pasquale Praticò si classifica 13° in graduatoria assoluta alla 7ª edizione de La Normanna, gara nazionale di 10 km a circuito, impiegando 36’26’’ per completare i dieci giri previsti. Diego Bruno in 41’20’’ è 7° SM40 e Massimino Cozza 8° in 41’27’’. Antonio Cosma timbra 43’59’’ (nuovo PB). Maria Gabriella Bartoletti in 52’02’’ è prima di categoria.

Podio Sibari
Il podio Assoluto

Primo weekend agostano all’insegna dell’agonismo multidisciplinare per i runners bruzi di Leone e Misasi, impegnati in Calabria in tre diverse specialità. All’11ª edizione del Trofeo Verduci, tradizionale ‘duel run’ all’americana, gara internazionale ad eliminazione tra concorrenti dopo ogni sprint, consueto appuntamento estivo organizzato dal comitato regionale Fidal svoltosi domenica sera a Motta San Giovanni (RC), Alberto Giungato è stato eliminato alla seconda volata, mentre Ayoub Idam ha lottato con i top centroafricani sino al penultimo rush. Per il secondo anno consecutivo, di fianco a piazza del Borgo, si è imposto all’ultimo sprint il ruandese Pontien Ntawuyirushintege su John Hakizimana e Mohamed Zerrad. Da un estremo all’altro della Calabria, nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, alla 6ª tappa del circuito interregionale di corsa in Montagna, organizzata egregiamente dall’Asd Corricastrovillari in contrada Masistro, nel territorio comunale di Saracena (CS), Stefano Bruno al suo esordio in gare Vertical, si classifica sulla distanza degli 11,6 km al 10° posto assoluto con il tempo di 1h20’07’’, risultando 3° tra gli SM40. Primo al traguardo in 1h10’03’’ Giuseppe Buffone della Dojo Judo Running, che anticipa di 13 secondi l’antagonista spezzanese Michelangelo Spingola. Sabato 4 agosto alla 6 Ore di Curinga, ultramaratona a tempo, Filippo Giglio compete per il circuito Iuta, classificandosi 1° di categoria in 5h17’00’’.

Masistro
La partenza del Masistro Mountain Trail

6 Ore
Filippo Giglio con il pettorale 112 alla 6 ore di Curinga

 

Domenica, 29 Luglio 2018 14:37

MAURO VALDRIGHI SALUTA LA CALABRIA

Mauro Valdrighi ritorna nella sua Toscana dopo oltre vent’anni trascorsi a correre in Calabria e a dirigere per conto di una nota azienda del settore chimico, un sito produttivo situato presso l’area industriale di Rende (CS). Valdrighi, classe 1955, si accosta al mondo del running all’età di 30 anni nella sua Castelnuovo di Garfagnana, in provincia di Lucca, palesando sin dai primi tempi ottime capacità da endurance (vanta nella sua lunga attività master 2h50’ in maratona e 1h15’ sulla mezza), vestendo i colori di diversi team toscani. Sul finire degli anni novanta la sua prima esperienza con un club calabro, la Kuroky Judo di Enzo Barbuscio, ricoprendo inconsapevolmente in quella fase storica del movimento podistico calabrese, il ruolo di antesignano nel crescente fenomeno della corsa su strada. Nel 2002 si trasferisce alla Cosenza Running, per poi passare all’Associazione “Antonio Misasi” dove trascorre quattro stagioni memorabili. Dal 2009 al 2012 corre per la Libertas Atletica Lamezia e nel 2013 passa alla Cosenza K42. Prima del suo definitivo rientro tra i boschi della Garfagnana, la K42 a nome di tutta l’atletica Master calabrese, ha voluto conferire a Mauro Valdrighi un riconoscimento per l’impegno profuso e la lealtà dimostrata, doti con le quali si è sempre contraddistinto durante la sua attività sportiva e non solo, svolta in terra di Calabria. Dopo due decenni abbondanti "coniugati" al verbo bruzio, che ne hanno marchiato l'animo, anche un toscanaccio come Mauro Valdrighi ha confermato il motto "Quando un forestiero viene al Sud piange due volte, quando arriva e quando parte”.

Mercoledì, 25 Luglio 2018 10:25

ASPETTATIVE CONFERMATE AL MEETING DI MATERA

I giovani di K42 guidati da Maurizio Leone crescono e si migliorano in occasione del XXXIX Trofeo Giovanni Moramarco, meeting di atletica leggera disputatosi sabato 21 luglio sulla pista "R.Duni” di Matera. All’appuntamento più importante di questa fase di stagione, il gruppo di boys gialloneri si sono districati nella velocità e nel mezzofondo. Sulla distanza degli 80 metri cadette, Francesca Colonna si impone in seconda seria con il crono di 11.11, risultando 5ª in graduatoria finale, unica con vento contro rispetto alle prime quattro, tutte avvantaggiate dal vento a favore. Sulla stessa distanza e categoria, Gianmarco Molinari realizza il personal best in 9.78, 3° in seconda serie e 6° in classifica finale, confermandosi tra i migliori sprinter in erba calabresi. Miglior tempo personale anche per l’Allievo Giacomo Marotta, impegnato sulla distanza dei 1500 metri in seconda serie e conclusa in testa con il tempo di 4’28’’12, 10° in graduatoria finale. Ottimo esordio sulla distanza dei 300 metri categoria ragazze per Sofia Francesca Filice, velocissima fino a metà rettilineo, viene ripresa sul filo di lana piazzandosi 2ª in terza serie con il crono di 52.51. Impegnata nella medesima distanza ma categoria cadette, Linda Savaia chiude in 52.53. La partenza rallenty di Angelo Servino penalizza la sua prima volta sul giro di pista, chiuso in 57.91.

Francesca Colonna a Matera
Francesca Colonna in testa nella seconda seria degli 80 metri Cadette 

 

Lunedì, 16 Luglio 2018 15:39

COSENZA K42 BRILLA DI NOTTE A ROCCELLA

Dominio giallonero domenica sera a Roccella Jonica (RC) in occasione della XII Corrinotte, gara su strada di 9,2 km, organizzata dall’Asd PodistiLocri in collaborazione con il comitato Regionale Fidal e valevole come 8ª tappa del CdS Master di corsa su strada. Sul litorale della Costa dei Gelsomini, in bellavista tante canotte giallonere, sia in gara maschile che femminile. Tra gli uomini gruppo nutrito di runners bruzi in testa alla corsa composto da Alberto Caratozzolo, Aldo Carbone, Francesco Turano ed Edo Sanchez, al suo rientro alle competizioni dopo tre anni, intenti a contrastare l’azione fulminea di Antonio Amodeo della Corricastrovillari. Al 5° chilometro perde quota il rientrante Sanchez, stazionandosi tuttavia a ridosso dei primi. A ottocento metri dall’arrivo rompe gli indugi il senior Caratozzolo seguito a ruota dal SM50 Turano. L’atleta bagnarese, bardato di neroverde ‘Assoluto’, chiude i tre giri sul lungomare roccellese in 32’19’’, anticipando di 4 secondi il compagno di squadra Francesco Turano. Terza piazza per Antonio Amodeo in 32’29’’. Quarto e quinto posto per Aldo Carbone e Edo Sanchez rispettivamente in 32’32’’ e 33’57’’. Antonio Cosma è 11° in categoria Senior. Tra i master in evidenza Daniele Percacciuolo, 5° tra gli SM35; Mariano Gaudiello, Massimino Cozza e Stefano Bruno si classificano al 7°, 8° e 9° posto in categoria SM40; Domenico Principato è 11° in SM45; Antonio Posa 4° e Carlo Maselli 7° in SM50. Biagio Lamanna 8° tra gli SM55. In gara femminile si impone Chiara Raffaele in 41 minuti netti, davanti a Rosanna Cardamone della Scuola Atletica Krotoniate (41’38’’) e Manuela Foresta dell’Hobby Marathon Catanzaro, terza in 42’42’’. Buona prova per Stefania De Napoli, classificatasi al 2° posto tra le SF45 con il tempo di 45’20’’. Maria Gabriella Bartoletti primeggia tra le SF55 e Rosetta Strancone tra le SF65.

Chiara Raffaele
Chiara Raffaele vince la gara femminile

Gruppo di testa 2
Gruppo di testa in gara maschile 

Domenica, 08 Luglio 2018 15:46

ARMANDO REMORINI OFFROAD

Alla 12ª edizione della Ivars Tre Campanili Half Marathon, corsa in montagna sulla distanza della mezza maratona, disputatasi domenica 1 luglio a Vestone, in provincia di Brescia, per la terza volta Armando Remorini si immola lungo le mulattiere sterrate della vallesabbia, fino a raggiungere quota 1300 s.l.m. Dopo interminabili salite e discese spezza gambe, Remorini oltrepassa il gonfiabile del traguardo fermando il cronometro su 1h49’56’’, classificandosi 45° assoluto su 909 atleti arrivati a destinazione. Tra gli SM40 il runner giallonero si piazza al 9° posto di categoria. Ad imporsi su la nidiata di nordafricani, il ruandese Jean Marie Myaisiro dell'Atletica Terni in 1h24'04''. 

Armando Remorini 3

Poco più che un giro gamba veloce per la coppia Caratozzolo/Carbone impegnati domenica 1 luglio alla Corrikiwanis, corsa su strada a circuito di 10 km sul lungomare Falcomatà di Reggio Calabria, vinta dall’atleta bagnarese con il tempo di 33’37’’. Quasi senza storia la cronaca della gara se non ci fosse stato l’acuto finale del 21enne Antonio Nucera dell’Atletica Barbas, fulminio nel superare agli ultimi metri Ibrahim Jammeh dell’Atletica Sciuto e impensierendo il 2° posto di Aldo Carbone, giunto al traguardo in 33’50’’. Il cronometro di Nucera che vale il bronzo si è fermato su 34’03’’. Tra le donne prima Teresa Latella (Podistica Messina), davanti a Rosa Ciccone (Atletica Sciuto) e Giulia Romeo (Atletica Barbas).

Caratozzolo e Carbone a Reggio 2   

La 2ª edizione del Meeting di Atletica Leggera Città di Cosenza, andata in scena sabato 30 giugno sull’ovale a strisce azzurre dello stadio bruzio San Vito-Marulla, ha proposto una kermesse interregionale di sprinter, saltatori e mezzofondisti di assoluto valore. Tra i tanti record personali migliorati affiora l’eccellente risultato conseguito sui 200 metri dal ventunenne reggino Giovanni Barletta dell’Atletica Olympus, che con 22.28 e -1.1mt di vento contro al secondo, si aggiudica il Premio Speciale VetroCar, stabilendo il nuovo record regionale categoria Promesse. Conferma il suo primato personale Emanuele Rago dell’Atletica Aden Exprivia Molfetta, centrando con 22.39 lo stesso crono stabilito lo scorso 24 giugno a Bergamo, che gli è valso il 2° posto sul mezzo giro di pista al Meeting Città di Cosenza. Il gradino più basso del podio va all’ex Gabriel Hutanu, da quest’anno Amatori Atletica Acquaviva, con il tempo di 22.82. Quarto posto per Diego Iuzzolini della Milonrunners, partito privo d'accredito in 1ª serie, termina in 23.44. A brillare sotto i riflettori del principale impianto sportivo cittadino, anche l’astro nascente del mezzofondo calabrese Ayoub Idam, impegnato nell’ultima gara in programma sulla distanza dei 5000 metri. Dopo aver condotto per oltre 9 giri tallonato da Alessandro Marangi (Atletica Cisternino) e Luigi Rosito (Aden Exprivia Molfetta), il magrebino tesserato Cosenza K42 va via in progressione vincendo per distacco il Premio Speciale Caffè Aiello, ottenendo in 14’46’’ il nuovo PB. All’atleta pugliese Marangi va l’argento in 15’15’’. Per stabilire l’assegnazione del bronzo necessita uno sprint fratricida tra Edoardo Misurelli, 3° in 15’42’’71 e Alberto Giungato, 4° in 15’42’’73. A migliorarsi fra i K42 in gara Giovanni Monaco, 9° in 16’16’’. In evidenza tra i gialloneri Gianmarco Molinari, 3° sugli 80m Cadetti in 9’85’’; Michele Turco 2° in 3’19’’ sui 1000m Cadetti; Michele Ciancio 4° sui 300m Cadetti in 41’78’’; Lucia Gaia Leale 2ª sui 60m Ragazze in 9’45’’ e Sofia Filice, brava a vincere la prova dei 1000m Ragazze con il tempo di 3’41’’. A titolo promozionale le tante prove Esordienti con premi per tutti i partecipanti.

Larrivo di una delle serie sui 200 metri piani
Arrivo seconda serie dei 200 metri

La premiazione dei 5000 metri
La premiazione del 5000 metri

Lunedì, 25 Giugno 2018 09:58

ANDREA PRANNO STRAVINCE A CATANZARO

Sabato sera l’esito finale della 16ª edizione della Stranotturna, gara su strada a circuito di 8 chilometri e 300 metri, non è mai stato in discussione. Il top runner Andrea Pranno, da quest’anno tesserato per il club giallonero, ha in realtà fatto gara a sé completando i 5 giri del percorso, impegnato più che altro in azioni di slalom affrontando i doppiaggi fra le strettoie dei vicoli catanzaresi, che a controllare ipotetici rientri degli inseguitori. Al traguardo posto nel centro città, Pranno giunge dopo 26 minuti e 17 secondi, alla media di 3’10’’ a km. Il secondo posto se l’aggiudica Antonio Amodeo (Corricastrovillari) in 28’10’’. Terza piazza per Antonio Bruno (Libertas Lamezia) in 28’34’’. Tra le donne si impone Francesca Paone (Hobby Marathon CZ) con il crono di 33’25’’. Positiva nel complesso la prova dei podisti bruzi, con tre atleti nelle prime dieci posizioni in classifica assoluta. Tra gli over35 conquistati 8 podi maschili e femminili. Tra gli uomini in evidenza Domenico Focà (1° SM40), Massimiliano Caputo (1° SM45), Luigi Imbrogno (1° SM50) e Giovanni Curia (3° SM55). Tra le donne 2° posto SF40 per Sabrina Gioberti e 9° per Emanuela Fiorino. Tra le SF45 argento per Stefania De Napoli. Leadership nelle rispettive categorie per Maria Gabriella Bartoletti (SF55) e Rosetta Strancone (SF65). Il verdetto della 7ª tappa del CdS master ha sancito in graduatoria maschile: 1) Libertas Lamezia (1403 punti); 2) Hobby Marathon Catanzaro (1379 punti); 3) Cosenza K42 (1357 punti).

Gli inseguitori
Distanze siderali già al primo giro per gli inseguitori di Andrea Pranno  

Domenica, 17 Giugno 2018 23:13

CAMBIO AL VERTICE DELL' ASD COSENZA K42

Passaggio di testimone ai vertici dell’Asd Cosenza K42. Sabato 16 giugno nel corso dell’assemblea elettiva straordinaria indetta a causa delle dimissioni dalla carica di presidente del socio Giuseppe Vecchio, impossibilitato a svolgere a pieno il ruolo per motivi di salute, è risultato eletto nuovo presidente della società di atletica leggera K42 il socio fondatore Giovanni Mondera. Il posto di consigliere resosi vacante è stato assegnato al socio Silvio Cozza, risultato primo dei non eletti durante l’assemblea per il rinnovo del consiglio direttivo di due anni fa. Il neo Presidente Mondera ha informato i soci presenti, che porterà a compimento il “mandato Vecchio” adottando la medesima linea direttiva, puntando, in piena sinergia con l'intero gruppo dirigente, allo sviluppo e alla crescita dei tre settori agonistici, Assoluto, Giovanile e Master.