Redazione

Redazione

Lunedì, 11 Dicembre 2017 16:32

CONSOLO E BRUNO PAGHI A REGGIO EMILIA

I riscontri cronometrici ufficiali conseguiti all’ultima maratona dell’anno da Luca Consolo e Diego Bruno, ripagano i due atleti master di K42 dai mille sacrifici patiti durante la stagione agonistica che volge ormai al termine. Domenica 10 dicembre alla 22^ edizione della Maratona di Reggio Emilia, vinta dal ruandese Jean Baptiste Simukeka della Vini Fantini in 2h16’30’’, Luca Consolo riscatta la prestazione opaca di Verona, avvicinandosi al suo personal best. A ritmo costante, adottando una condotta di gara giudiziosa, Consolo transita alla mezza in 1h42’18’’, concludendo soddisfatto in real time con il crono di 3h26’42’’. Alla sua seconda maratona in poco meno di un mese, anche Diego Bruno è bravo a confermarsi su ritmi ormai metabolizzati e a lui congeniali per le lunghe distanze, che gli consentono di concludere agevolmente i 42 chilometri e 195 metri con il tempo di 3h35’54’’.

LB

Venerdì, 08 Dicembre 2017 12:20

COSENZA K42, BUONE PROVE IN PUGLIA

Domenica 3 dicembre all’ottava edizione della mezza maratona Citta di Monopoli, il team del presidente Pino Vecchio conquista il podio nella classifica per società provenienti da fuori regione. Sabrina Gioberti è la prima atleta giallonera a tagliare il traguardo con il tempo di 1h41’58’’. Franco Rinaldi stabilisce il suo nuovo pb in 1h50’08’’. Maria Gabriella Bartoletti chiude con il crono di 1h50’54’’. L’arrivo in piazza Vittorio Emanuele II di Pasquale Marra (1h59’07’’), consente ai runners bruzi di salire sul podio. Vince la società Athlos Matera con 10 finisher su Cirò Marina che Corre e Cosenza K42. La gara è stata vinta dal barlettano Domenico Ricatti dell’Aeronautica Militare in 1h10’56’’. L’ultima domenica di novembre a Lecce a portar lustro ai colori gialloneri alla 2^ edizione della Maratona del Barocco, è Antonio Maria Igor Cosma, bravo a migliorarsi sulla distanza dei 42 chilometri di 24 secondi. Sulle vie del capoluogo salentino Cosma ferma il cronometro su 3h46’41’’. Primo al traguardo Giorgio Calcaterra della Calcaterra Sport con 2 ore 39 minuti e 48 secondi. A Paderno Dugnano, a nord di Milano, a meno 5 gradi di temperatura, Osvaldo Librandi si classifica 13° all’Eurotrial in 36’22’’.

Antonio Cosma a Lecce

Antonio Maria Igor Cosma a Lecce

 

Lunedì, 27 Novembre 2017 15:22

LA CORSA DI RESISTENZA

A conclusione del corso Istruttori di 1° livello indetto dal Comitato Fidal Calabria, si rendono usufruibili le slide riepilogative del lavoro realizzato dal responsabile tecnico di fondo e mezzofondo Maurizio Leone.

La corsa di resistenza: http://www.fidal.it/content/Formazione-Settore-Tecnico/71185


Maurizio Leone europei di cross 2006

Mo Farah e Maurizio Leone in testa ai Campionati Europei di Cross del 2006 -San Giorgio su Legnano (MI)-

 

Martedì, 21 Novembre 2017 15:36

COSENZA K42 IN BELLA MOSTRA A VERONA

Maratone d’autunno probanti per i runners cosentini della K42, impegnati nella terza domenica di novembre a raccogliere gli ambiti frutti in quel di Verona e di Palermo, dopo lunghi e faticosi mesi trascorsi a calpestare l’asfalto cittadino in orari disorientanti per il bioritmo umano. Dieci gli atleti gialloneri al via sulla classica distanza olimpica del fondo, gara inquadrata intorno all’area urbana veronese e valida come Campionato Italiano Assoluto e Master. Esordio col botto per il 34enne Damiano Spina, capace di abbattere il muro delle tre ore già al primo tentativo. Il neo maratoneta nativo di Maione, piccolo borgo della Valle del Savuto, ha seguito la pianificazione dei carichi dettata da un coach di lusso come il 15 volte maglia azzurra Maurizio Leone. Transitato regolare come un orologio svizzero al 5° e 10° km, passa perfetto in 1h27’ alla mezza per chiudere la sua prima esperienza sui 42 km e 195 metri in 2h53’35’’. C’è lo zampino di Leone anche sul personal best realizzato da Stefano Bruno, secondo giallonero a tagliare il traguardo posto su piazza Bra, di fianco all’Arena, con il tempo di 2h56’29’’, migliorando il suo precedente primato di ben 4 minuti e 9 secondi. Ottimo esordio sulla distanza anche per Vittorio Iantorno, giunto all’arrivo con il real time di 3h00’50’’. Notevole l’evoluzione tecnica di Salvatore De Bernardo, che con 3h13’51’’ asfalta il suo vecchio pb realizzato proprio a Verona durante la scorsa edizione. Diego Bruno, alla sua seconda maratona corsa nello stesso anno, cambia decisamente passo e conclude con un ottimo 3h29’58’’ nonostante i crampi degli ultimi chilometri. Non stecca la sua prima 42 km il triatleta Filippo Giglio, che termina in nonchalance a 3h37’15’’. La 16^ Verona Marathon riserva però un inaspettato finale agrodolce alla spedizione bruzia. La conquista del tricolore di categoria SF65 di Rosetta Strancone, fa da contraltare alle prove incolore di Emanuele Franzese (ginocchio in tilt al 30°), Salvatore Muzzillo e Luca Consolo, stoici a sottrarre la canotta giallonera dall’onta del ritiro. Per la cronaca, la gara assoluta maschile è stata vinta dal keniano Robert Ndiwa (2h12’50’’) e quella femminile da Federica Dal Ri (2h37’44’’). Inserita nel programma della manifestazione anche una prova sui 21 km con rappresentanze bruzie pure in questa competizione. Daniele Percacciuolo in 1h25’13’’ dallo sparo, stabilisce il suo primato personale sulla distanza. Sul real time di 1h29’19’’ anche per Massimino Cozza è nuovo pb. Domenico Finizio fa 1h27’58’’. Roberto Caruso 1h35’55’’. L’1h39’54’’ in real time fa migliorare Massimiliano Artuso. Maurizio Acri in 1h41’50’’ lima un secondo al suo vecchio record. In Sicilia alla 23^ edizione della maratona di Palermo, Luca Attanasio ferma il cronometro su 3h15’08’’. Alla “Reggia-Reggia” di Caserta, mezza maratona internazionale giunta alla sua 4^ edizione, Pasquale Caprino realizza il suo miglior tempo di sempre in 1h44’03’’ (rt 1h42’47’’).  Ottima la performance di Francesco Cava in 1h46’17’’, crono migliorativo rispetto alla mezza di Agropoli, nonostante un percorso più impegnativo. Riduce ancora il tempo di percorrenza sui 21km Vincenzo Martire, timbrando il suo nuovo pb in 1h51’26’’. Angelo Marinello chiude in 2’13’15’’. In Lombardia Osvaldo Librandi comincia bene la stagione campestre conquistando il 1° posto di categoria alla 32^ edizione del Cross Open di Valpometto (PV).

Iantorno e Finizio     

Sabato, 18 Novembre 2017 07:18

K42, TUTTI A BORDO CON IL PROGETTO GIOVANI

Si è tenuto ieri pomeriggio presso i locali della nuova sede sociale, il primo incontro periodico tra i quadri tecnici del settore giovanile e i genitori degli atleti tesserati K42. L’iniziativa oltre a rendicontare lo stato dell’arte, mira a divulgare con una serie di appuntamenti, gli obiettivi formativi, le metodologie utilizzate e i livelli d’apprendimento man mano acquisiti dalle categorie esordienti a salire. Un percorso di analisi e approfondimento che la società Cosenza K42 intende condividere con tutte le parti coinvolte nel progetto di rinnovamento dell’atletica leggera in città. Tutti a bordo dunque, obiettivi chiari e pochi fronzoli, sono stati i diktat annunciati dall’avv. Daniele Percacciuolo, dal prof. Marcello Piro e dal direttore tecnico ed ex azzurro Maurizio Leone, affinché ci si adoperi per perseguire le finalità prefissate.

 Genitori 2

Katia Scionti si conferma per la terza volta consecutiva regina della Scalata Patti-Tindari, corsa su strada di 10 chilometri che da Patti, in provincia di Messina, conduce gli atleti al Santuario della Madonna Nera di Tindari. Alla partenza di piazza Marconi, oltre alla ‘detentrice’ delle ultime due edizioni, a rappresentare la Cosenza K42 anche il senior Alberto Caratozzolo. Attraversato il percorso di gara a difficoltà progressiva, Katia Scionti è giunta sola al traguardo, dopo 41 minuti e 29 secondi. Il bagnarese Caratozzolo in 36’43’’ conquista con distacco l’argento, dietro il vincitore Antonio Giorgianni del Cus Palermo. Sempre domenica 5 novembre, aldilà dello stretto, sono otto i runners gialloneri a competere alla Reggio Calabria Half Marathon, valida per l’assegnazione del CdS e titolo individuale regionale. Soddisfazioni per il presidente Pino Vecchio sono giunte dalle categorie master 45 e 50, vinte da Luigi Imbrogno (1h20’24’’) e Massimo Ragusa (1h28’48’’). Buona prova per Emanuele Sesti, 13° in 1h22’08’’ e 5° di categoria. Luca Attanasio fa 1h30’19’’. Incoraggiante l’1h32’20’’, in proiezione Verona, realizzato da Diego Bruno. Piero Conforti chiude in 1h33’51’’. Personal best per Chiara Raffaele che riesce a migliorarsi di un minuto e venti, completando i 21 chilometri in 1h33’51’’. Titolo regionale SF65 a Rosetta Strancone. Alla New York City Marathon i “Go Aiello” sono tutti per Antonio Gianni, bravo a chiudere in 3h34’’.  

 

Domenica, 29 Ottobre 2017 23:42

COSENZA K42 CAMPIONE REGIONALE MASTER 2017

Dopo 135 chilometri e 150 metri di asfalto calabrese piatto, irto ed ondulato, frazionato in 15 tappe, l’Asd Cosenza K42 si è aggiudicato ufficialmente domenica sul lungomare di Paola, per il secondo anno consecutivo, il titolo di campione regionale master 2017 di corsa su strada. Un girovagare podistico che ha impegnato su e giù per la Calabria i runners over35 bruzi da metà aprile con la 1^ prova prevista in calendario sul lago di Mormanno (CS), per poi sfidare in successione le squadre competitors a Palmi (RC), Catanzaro, Castrovillari (CS), Crotone, Galatro (RC), San Giovanni in Fiore (CS), Jonadi (VV), Locri (RC), Vibo Marina (VV), Cirò Marina (KR), Soverato (CZ) e Marina di Sibari (CS), per concludere tutti a braccia alzate sul podio della città del Santo a convalidare la leadership del team diretto da Pino Vecchio. Oltre 300 gli atleti iscritti in gara, accalcati fronte nord dietro la linea di partenza in attesa del via dello starter. Le ipotesi sui possibili protagonisti della 6^ Corri Col Cuore si palesano corrette dopo poche centinaia di metri. Il giovane Ayoub Idam della Cosenza K42, campione italiano in carica sui 3000 metri allievi, imposta l'azione di corsa su ritmi vicino ai 3’ e 10’’ a km, prova a stargli in scia il solo Salvatore Arena. Al primo passaggio il distacco tra la testa della corsa e gli inseguitori, appare già incolmabile. Il crotonese-magrebino, dopo 8 km e 400 metri, taglia senza apprensione il traguardo fermando il cronometro su 26’44’’. Il compagno di squadra Arena, dopo una gara tutta in avanscoperta, completa il tracciato con 59 secondi di ritardo dal vincitore, aggiudicandosi anche il 1° posto di categoria SM35. Davide Pirrone dell’Hobby Marathon Catanzaro si classifica al terzo posto in 27’48’’. Tra le performance giallonere, ottimo il rientro di Edoardo Misurelli, 4° in 27’55’’. Francesco Turano è 5° assoluto e 1° SM45 con il crono di 28’02’’. Luigi Imbrogno in 30’04’’ si piazza all’11° posto nell’ordine d’arrivo e 2° SM45. Daniele Percacciuolo è 6° in categoria Senior con il tempo di 31’22’’. Tra gli SM35 oltre al primo posto di Salvatore Arena, tornano utili alla classifica per società, Massimino Cozza (33’57’’), Diego Bruno (38'00'') ed Emanuele Franzese (39’27’’). In categoria SM40 Mariano Gaudiello è 5° in 32’12’’, seguito a distanza di 16 secondi da Giuseppe Lo Re. Domenico Finizio (32’51’’), Luca Attanasio (34’30’’), Piero Conforti (34’31’’), Mario Favasulli (39’15’’) e Denis Bruno (43’26’’) completano la categoria. Nella SM45 Massimiliano Caputo segue i compagni Turano ed Imbrogno con un crono da 31’52’’. A seguire Domenico Principato (36’27’’) Salvatore Muzzillo (37’16’’) e Vincenzo Martire (40’16’’). Il primo K42 tra gli SM50 è Antonio Posa, 4° in 33’13’’. Salvatore De Bernardo (35’36’’), Massimo Ragusa (36’03’’), Massimiliano Artuso (36’39’’), Lucio Luciani (38’53’’), Francesco Cava (40’00’’) e Cosimo Raho (40’15’’) chiudono la categoria. Giovanni Curia, Corrado Conforti, Franco Rinaldi e Vincenzo Spizzirri, conquistano punti nella SM55. Amedeo De Marco, Arnaldo Bocci, Pasquale Marra e Angelo Marinello timbrano presente nella SM60. In categoria SM65 vittoria per Eugenio Paoli e stoico bronzo per Angelo Sorcale, entrambi determinanti per la vittoria di tappa. Benedetto Andreoli si conferma leader SM70, seguito sul secondo gradino del podio da Vincenzo Burreci. Bene anche Roberto Pansa e Luigi Covelli. Tra le donne si impone Francesca Paone della Fiamma Atletica Catanzaro con il tempo di 33’22’’. Al secondo posto Chiara Raffaele della Cosenza K42 in 34’31’’. Terza Sabrina Gioberti (Cosenza K42) in 36’39’’. In evidenza tra le giallonere, Emanuela Fiorino (7^ SF40), Maria Gabriella Bartoletti (1^ SF55) e Rosetta Strancone (1^SF65).       

Sabato, 21 Ottobre 2017 12:50

A BARI GABRIEL HUTANU VOLA SUI 200 METRI

Al campo scuola Bellavista di Bari, domenica 15 ottobre, in occasione della 2^ giornata del campionato regionale pugliese categorie Juniores e Promesse, Daniel Gabrial Hutanu ha stabilito il suo nuovo personal best sui 200 metri piani maschili. Il diciannovenne di nazionalità rumena, residente a Crotone ed allenato dal talent scout Scipione Pacenza, si è imposto nella prima serie con il tempo di 22’76. Partito in 4^ corsia, Hutanu ha fronteggiato il ritorno in curva di Filippo Casiello dell’U.S. Giovani Atleti, accreditato in gara con il miglior crono, staccandolo dopo averlo affiancato a metà rettilineo, aggiudicandosi così la prova per 23 centesimi sull'avversario. Questo progresso tecnico insieme all’affinamento del pb sulla distanza dei 400 metri, avvenuto lo scorso settembre a Castrovillari, consente a Gabriel Hutanu di pianificare con maggiore serenità la prossima stagione, in vista del cambio di categoria.  

Giovedì, 19 Ottobre 2017 21:59

COSENZA K42 BIS AD AGROPOLI

Alle medesime regole d’ingaggio, la Cosenza K42 bissa il successo conseguito sette mesi fa ad Agropoli, imponendosi come miglior squadra proveniente da fuori regione. In occasione dei campionati italiani assoluti 2017 di mezza maratona, aperti anche alle altre categorie, sono partiti in venti i runners bruzi sulle strade dell'antica Peastum, per giocarsi il ‘premio partita’ messo in palio a mo’ di attrattiva dagli organizzatori. Luigi Imbrogno, primo giallonero al traguardo, si attesta sui suoi migliori crono, chiudendo i 21km e 97mt in 1h20’19’’. Stabilisce il suo miglior tempo sulla distanza Damiano Spina in 1h20’40’’, bloccando il timer 50’’ prima rispetto al suo vecchio PB. Primo riscontro ufficiale per Silvio Cappa, che termina con un’interessante 1h23’40’’. Vittorio Iantorno con 1h25’01’’ si migliora di 23 secondi. Si esprime a ritmi blandi Massimiliano Caputo, che con 1h27’06’’ risulta comunque utile alla causa. Piero Conforti si assesta su 1h27’19’’. Daniele Percacciuolo chiude in 1h29’35’’. Il crono finale di Domenico Finizio è 1h30’42’’.  Luca Consolo fa 1h31’14’’; Diego Bruno 1h31’40’’; Roberto Caruso 1h35’33’’; il triatleta Filippo Giglio 1h37’30’’; Salvatore Muzzillo 1h38’58’’; Salvatore De Cesare 1h39’14’’; Massimiliano Artuso 1h42’01’’; Gelsomino Cardellicchio 1h46’04’’ (PB); Francesco Cava 1h50’25’’; Vincenzo Martire 1h55’02’’ (PB); Mario Ras 2h05’58’’ e Rosetta Strancone 2h21’02’’. Per la cronaca in gara maschile trionfa il bergamasco Yassine Rachik in 1h02’11’’ dell’Atletica Casone Noceto, società al suo quinto titolo tricolore consecutivo. Tra le donne vince Sara Brogiato dell’Aeronautica Militare, con il tempo di 1h14’48’’.

Il traguardo dei dieci anni della K42, tagliato venerdì scorso nel centro storico di Cosenza in una Sala Nova strapiena di pubblico, presso il Palazzo della Provincia, si è costellato di stelle. L’oro mondiale sui 3000 siepi a Roma ’87 Francesco Panetta, l’oro olimpico di maratona ad Atene 2004 Stefano Baldini, l’argento in maratona agli europei di Budapest ’98 Danilo Goffi, il campione d’Italia di maratona 2008 Denis Curzi, l’olimpionico a Pechino 2008 Ottavio Andriani e l’argento in maratona ai giochi del mediterraneo 2009 Giovanni Ruggiero, hanno suggellato l’evento celebrativo della società giallonera come meglio non si poteva. Il giornalista Rai Mario Tursi Prato, moderatore della serata, dopo aver ricordato a larghe linee le tappe basilari del percorso svolto dal 2007 ad oggi dalla Cosenza K42, ha cadenzato gli interventi previsti in scaletta armonizzandoli abilmente in un clima conviviale. Nel corso dei saluti agli ospiti ed ai presenti in sala, redatti dal Presidente Pino Vecchio e letti dalla figlia Mariagrazia, sono stati ricordati i tesserati che si sono prodigati nel corso degli anni per la crescita del team e che non sono più tra noi. L’Assessore allo Sport del Comune di Cosenza, Carmine Vizza, dopo aver ricordato con orgoglio il suo trascorso podistico tra le fila della K42, ha preannunciando interventi strutturali sull’impianto di atletica leggera cittadina. Il Presidente del Comitato Fidal Calabria, Ignazio Vita, ha espresso piena soddisfazione per l’attività svolta dall’Asd Cosenza K42, riuscendo in poco tempo ad assurgere a società modello in ambito regionale e non solo. Maurizio Leone, Direttore Tecnico di K42, nel confermare il work in progress per i settori assoluto e giovanile, ha ribadito come fiore all’occhiello del club la corposa squadra master. Luca Grandinetti, una delle massime figure prodotte dal movimento dall’atletica cosentina, nonché allenatore specialista di IV livello europeo e già direttore della scuola d’atletica ‘Paolo Rosi’ della Fidal Lazio, ha riconosciuto l’ottimo lavoro svolto in un contesto non sempre propenso ad accogliere progetti sportivi. Riconoscimenti sono stati conferiti dalla società a Giuseppe Giudiceandrea, quale primo atleta tesserato dalla Cosenza K42, a Gemma Pucci, in qualità di genitore fidelizzato al settore giovanile e ad Ayoub Idam, campione italiano allievi 2017. La parte riservata ai testimonial d’eccezione è stata condotta in tandem da Tursi Prato e Leone, rivelando simpatici aneddoti e retroscena di vent’anni di atletica di alto profilo. A chiudere la manifestazione, l’attesissima presentazione del libro di Francesco Panetta io corro da solo, introdotta da Carmelo Sanzi, conoscitore delle prime fasi agonistiche dell’autore. L’evento è stato anticipato in mattinata dall’incontro tra i top runners e gli studenti dell’istituto scolastico comprensivo di Castrolibero.