TRA RICCHI PREMI E COTILLON IMPERA LA TRACOTANZA DELL’ATLETICA FARLOCCA

TRA RICCHI PREMI E COTILLON IMPERA LA TRACOTANZA DELL’ATLETICA FARLOCCA

Come il tentativo d’innalzarsi in volo rende goffo il piumaggio svolazzante gallinaceo del tacchino, così tra lustrini e cotillon il capo in dismetria sull’asse cervicale del delegato provinciale Fidal, si solleva fra la calca celebrante alla ricerca di improbabili consensi. Che l’arroganza fosse una delle migliori virtù in pectore dell’autoproclamatosi deus ex machina del nulla, è cosa assai risaputa da oltre trent’anni negli ambienti federali e dei distretti scolastici locali. L’ennesima puntata della boria del retrivo soggetto mosso da smania di ripicche nei confronti della nostra società sportiva, è andata in onda sabato sera al teatro A. Tieri di Cosenza, in occasione della consueta cerimonia d’assegnazione dei riconoscimenti agli atleti particolarmente distintisi nel corso della stagione agonistica appena terminata, evento organizzato annualmente dal Coni Point territoriale. L’individuazione dei premiati, demandato alle Federazioni che segnalano al Coni atleti e team degni di onorificenze, non annovera per l’atletica ahinoi gli atleti Ayoub Idam (vice campione italiano juniores sui 5000m in pista e sui 10 km su strada) e Francesco Turano (campione italiano categoria SM50 sui 10000m in pista, vice campione italiano sui 3000m indoor e bronzo ai campionati italiani di cross). La palese disparità di valutazione svelatasi in pompa magna sul palcoscenico ornato a festa, ci indigna e ci chiama direttamente in causa per salvaguardare i nostri tesserati, biasimando non tanto chi con sforzi e sacrifici ha raggiunto traguardi meritevoli di consacrazione, né tantomeno il Coni che risulta a nostro avviso parte lesa inconsapevole dell’inganno per la mendace informazione ricevuta, ma il reiterato tentativo di danneggiare la nostra immagine omettendo consciamente altri protagonisti co-artefici dell’esaltante annata dello sport provinciale. L’Asd Cosenza K42 nel stigmatizzare la condotta arbitraria di chi in loco rappresenta impropriamente la Federazione Italiana di Atletica Leggera, si riserva di interpellare le autorità interessate nelle opportune sedi per esprimere le proprie rimostranze.

2 commenti

  • In primis tocca al delegato provinciale segnalare l ingiusta valutazione ,certi che il prof abbia segnalato in tempo le due ottime prestazioni reallizzate dai due nostri atleti......
    inviato da In primis tocca al delegato provinciale segnalare l ingiusta valutazione ,certi che il prof abbia segnalato in tempo le due ottime prestazioni reallizzate dai due nostri atleti...... Domenica, 20 Gennaio 2019 20:27

    Bisogna capire se il delegato provinciale abbia segnalato i due atleti

    Rapporto
  • Max
    inviato da Max Domenica, 20 Gennaio 2019 20:10

    Vergogna che schifoooo

    Rapporto

Lascia un commento

In questa sezione puoi inserire i tuoi commenti.